RecensioneItalia

    22-02-2019

    Smartphone tendenze 2019 Chi vuole sfidare Samsung S10?

    Le tendenze del 2019 per quel che riguarda il mondo degli smartphone top di gamma proseguono le direttrici gia’ delineate dai modelli lanciati nel 2018. Gli schermi si ingrandiranno all’infinito per ricercare un rapporto screen/body sempre maggiore, con cornici ridottissime. Verranno proposte soluzioni per rendere sempre meno evidente la camera frontale, mentre per quel che riguarda la fotocamera sul retro, il nuovo trend e’ l’implementazione di 3 lenti per una prospettiva grandangolare. Vedremo come il riconoscimento dell’impronta digitale integrato nello schermo sara’ implementato da sempre piu’ case produttrici, e si continuera’ sulla strada della ricarica wireless.

    Per parlare delle novita’ piu’ interessanti di quest’anno, partiamo dalla presentazione degli ultimi arrivati a casa Samsung tenutasi il 20 febbraio a San Francisco.
    La kermesse e’ stata aperta da Samsung Galaxy Fold, il costosissimo smartphone che dispegandosi sull’’asse principale si apre fino a trasformarsi in un tablet da 7,3 pollici con 6 telecamere incorporate. E’ offerta la possibilita’ di operare su 3 app diverse contemporaneamente, che vedremo affiancate sul monitor versione tablet (ad esempio guardare una serie netflix, cercare il nome dell’attore su su google e mandare un messaggio ad un amico). Il device, che sara’ acquistabile da aprile, sara’ lo smartphone piu caro sul mercato, raggiungendo l’esorbitante a cifra di 2000 euro.

    Questo il modello sui cui Samsung vuole che siano puntati i fari, ma parliamo degli altri smartphone presentati dalla casa koreana, i nuovi arrivati della linea di punta della compagnia, i Samsung Galaxy S10E (versione economica), Samsung S10 e Samsung S10 plus (schermo piu’ grande e caratterstiche aggiuntive).
    Mantenendo approssimativamente le stesse dimensioni dei predecessori Samsung S9, i nuovi smartphone della linea S mostrano netti miglioramenti rispetto alle gia’ottime versioni precedenti, soprattutto in termini di camera e design. Il nuovo look mostra infatti l’introduzione del display Infinity-0 da 6,1 pollici, in cui lo schermo viene ampliato all’infinito, riducendo drasticamente le dimensioni delle cornici su tutti i lati per una ottimizzazione dello spazio. La soluzione proposta da samsung per camera frontale e’ un forellino all’interno del brillantissimo Super AMOLED display. I modelli della linea S non sono da meno rispetto agli altri smartphone top di gamma 2019 rispetto al sensore per il riconoscimento dellímpronta digitale, integrato nello schermo. Per quel che riguarda la camera sul retro, vediamo che anche i nuovi S10 presentano 3 lenti (12mp, 12mp e 16mp), combinando la possibilita’ di catturare immagini ad ampio raggio con la una ottima qualita’ dell’immagine in condizioni di poca luce, punto di forza della fotografia della casa koreana.
    Tutte le versioni della linea Samsung S10, presentano l’opzione ricarica wireless diretta ma anche inversa, appoggiando al retro del nostro device altri telefoni con ricarica Qi. Gli smartphone della linea S10 possono essere gia’ preordinati adesso, con prezzi a partire da 929 euro per Galaxy S10 e 1029 euro per Samsung S10 plus, e saranno poi acquistabili da marzo. L’opzione 5G di Samsung S10 sara’ disponibile invece da giugno.

    Per quanto riguarda invece Samsung Note 10, evoluzione dell’acclamato Samsung Note 9, dovremo aspettare ancora un po’, le fonti piu’accreditate parlano di Agosto 2019. Un’offerta Tre offre un rimborso di 200 euro su Note 9 (leggete recensioni su Tre qui), ma se volete aspettare l’uscita del nuovo modello possiamo inizare con delle anticipazioni. I rumors riguardo a Note 10 ci dicono che avra’una batteria migliore dei cugini della linea S10, che manterra’ lo stesso setup delle fotocamere sul retro, con 3 lenti da 12mp, 12mp e 16mp sul retro. Come il precedente Note 9 mostrava uno schermo di dimensioni maggiori rispetto agli S10, con una batteria piu’ potente e provvisto di penna stilo, il nuovo Note 10 in arrivo nel 2019 dovrebbe mostrare un diplay ancora piu imponente (6,66 pollici, rispetto ai 6,4 del Note 9), con un display AMOLED, con cornici ridottissime per dare un’esperienza di schermo senza limiti. Il riconoscimento dell’impronta digitale sara’ integrato nello screen. Una curiosita’ non ancora confermata: mentre i vari modelli rivaleggiano in fatto di idee innovative per rendere sempre piu’ invisibile il notch della fotocamera frontale, Samsung Note 10 potrebbe avvalersi dell’elemento della penna stilo per inserire in essa la selfie camera, permettendo cosi’ una vera esperienza a tutto schermo.
    Tra gli svantaggi che si rumoreggiano, invece, il fatto che Samsung decida immettere sul mercato con il Note 10 il primo modello senza l’opzione jack per auricolari 3,5mm. Questa mossa andrebbe in direzione contraria da quello che dovrebbe avvenire per Huawei P30, dove il jack audio verra’ reintrodotto nonostante fosse stata eliminata nella precedente versione Huawei P20, con la casa cinese che tornerebbe sui suoi passi dopo una innovazione forse prematura visto che molte persone non hanno ancora adottato auricolari wireless. Il prezzo di Note 10 dovrebbe ricalcare il prezzo del costoso predecessore, immettendosi sul mercato ad un prezzo di circa 1000 euro.

    Restiamo in Asia, ma dalla Korea passiamo alla Cina per proseguire nella nostra carrellata sugli smartphone top di gamma piu’interessanti del 2019. Il device che accorrera’ a rivaleggiare con i competitivi Samsung S10 sara’ Huawei P30, come gia’ il precedente Huawei P20 competeva con Samsung S9. Huawei si conferma unico a porre un seria sfida a Samsung ed Apple in termini di qualita’ e prestazioni top. Si tratta di un nuovo smartphone con software android, evoluzione del rinomato Huawei P20, che uscira’ nelle versioni Huawei P30, Huawei P30 Pro e Huawei P30 Lite. I nuovi modelli saranno presentati il 26 marzo a Parigi, un mese dopo il Mobile World Congress 2019 di Barcellona, e le fonti dicono che saranno provvisti fotocamere di qualita’ impressionante. Prendendo le mosse dal dalla versione precedente, d’altra parte, non puo’che essere cosi’. Infatti, quella di Huawei P20 e’ considerata la miglior fotocamera smartphone nel 2018, punta di diamante della tecnologia fotografica smartphone. Huawei P30 presentera’ una fotocamera a 3 lenti sul retro, poste verticalmente a sinistra, con risoluzioni di 40mp, 20mp e 5mp, con zoom ottico 5x, mentre la selfie camera avra’ un sensore di 24mp.
    Per quanto riguarda l’Hardware, sara’ presente un display OLED full HD+ di 6 pollici, con un lieve aumento rispetto Huawei P20. Le cornici saranno ridotte fino a quasi scomparire per offrire un’esperienza a tutto schermo, seguendo la tendenza che va sempre piu imponendosi. Sara’ inoltre presente il rilevatore di impronta digitale sotto lo schermo, per non essere da meno dei rivali Samsung S10.
    Per quel che riguarda la memoria, saranno disponibili 8GB di ram che potranno raggiungere i 12 nella versione P30 pro.
    Come dicevamo prima, sara’ probabilmente reintrodotto il jack audio che era stato eliminato nel precedente modello, con una mossa troppo anticipatoria dei tempi.

    Oltre a Huawei, tra i competitors piu’ interessanti di Samsung nella fascia smartphones top di gamma, troviamo anche OnePlus e Xiaomi, oltreche’ ovviamente Apple.

    Xiaomi Pocophone F2, evoluzione del modello Pocophone F1 che ha sorpreso il mercato nel 2018 con un successo strabiliante proponendo un rivoluzionario top di gamma ad un prezzo accessibile, dovrebbe essere lanciato a fine marzo 2019. Il mercato di riferimento sara’ quello asiatico, India in particolar modo. Viste le premesse di Pocophone F1, e’ normale la frenesia che circonda il rilascio di Pocofone F2. Ma come il precedente Xiaomi F1 sara’ probabilmente accessibile in Italia tramite rivenditori specializzati (ad esempio GeekMall, di cui potete leggere le recensioni qui). Cosa possiamo aspettarci dal nuovo modello della casa cinese? Non dovrebbero esserci upgrade dirompenti rispetto al precedente modello, e le principali migliorie si focalizzeranno sul software e sulla risoluzione dei bug presenti in Pocofone F1. Per questo motivo Pocofone F2 dovrebbe avere un prezzo on troppo distante dal modello precedente, attestandosi su una fascia dai 370 ai 450euro. Motivo di delusione per gli appassionati di questo smartphone potrebbe essere la scoperta che Xiaomi ha deciso di non implementare nella versione 2019 di Pocophone il processore Snapdragon 855 come i rivali S10 e OnePlus. Manterra’ uno Snapdragon 845 gia’ presente in nel modello F1. Pocophone F2 presentera’ uno schermo da 6,2 pollici, ma non sappiamo ancora quale soluzione sara’adottata per la camera frontale. Foro frontale come per i Samsung S10 o notch a goccia come OnePlus 6T? Per quanto riguarda le camere sul retro, invece, abbiamo piu’certezza. L’azienda cinese seguira’ il trend dominante delle 3 lenti con risoluzione da 16mp, 12mp e 5 mp. Sara’ anche presente l’imprescindibile integrazione nello schermo del riconoscimento dell’impronta digitale. Data l’expertire di Xiaomi nelle tecnologie relative all’intelligenza artificiale, ci aspettiamo che l’azienda continui a proporre soluzioni al top sotto questo riguardo.

    Lo smartphone OnePlus 7 invece uscira’ a giugno 2019, e visti i livelli del suo predecessore, ci aspettano prestazioni e velocita’ al massimo livello. OnePlus 6 era uno smartphone con caratteristiche da top di gamma ma posizionamento di prezzo prezzo medio (sui 460 euro), e rivaleggiava in prestazioni con i molto piu costosi Samsung Note 9 e iPhone XS.
    Il design di OnePlus 7 seguira’ la tendenza della ricerca di un sempre maggiore rapporto schermo/telefono, con un display sempre piu’ amplio e margini ristretti.
    Per quanto riguarda la selfie camera, i modelli OnePlus 6 e OnePlus 6T presentavano rispettivamente una fotocamera inserita nella tradizionale losanga e con un notch a goccia. Alcune immagini non ufficiali mostrano un telefono senza alcun notch, quindi e’ possibile che una camera con tecnologia microLED sia integrata sotto lo schermo, o che vi sia una selfie camera a scorrimento come nel il modello Xiaomi Mi Mix 3. Non sara’ probabilmente presente la modalita’ di ricarica wireless, anche se ormai quasi una condizione imprescindibile dei top di gamma 2019. Infatti l’azienda ha mostrato anche nei modelli precedenti di puntare piuttosto nella direzione di un’implemetazione della ricarica ultra rapida della batteria, e probabilmente restera’ su questa direttiva per il momento.
    OnePlus 7 sara’ uno dei primi smartphone 5G ad uscire sul mercato. Il CEO di OnePlus Pete Lau ha infatti rivelato che il nuovo modello presentera’ un processore Snapdragon 855 che supportera’ la tecnologia 5G. La casa cinese sta lavorando in parallelo a due telefoni, uno con tradizionale tecnologia 4G e uno 5G, e per quest’ultima opzione dovremo dimenticarci degli abbordabili prezzi a cui ci aveva abituato OnePlus 6, in quando il costo dovrebbe aumentare dai 200 ai 300 euro.
    (leggi qui le recensioni delle compagnie di telecomunicazioni e tutte le novita’ sul 5G in Italia)

    Per ultimo, alcune parole su iPhone. Non e’ passato ancora molto tempo dall’uscita nell’autunno 2018 di iPhone Xs, Xs Max e XR, ma gia’ la curiosita’ per il nuovo smartphone Apple 2019 si fa sentire, e ci sono rumurs ed indiscrezioni.
    La presentazione di iPhone 11, sul cui nome al momento possiamo fare solo congetture, avverra’ a novebre 2019, ed anche per iPhone saranno presentate 3 versioni del prodotto (2 premium ed una piu’economica), con schermo da 5,8, 6,1 e 6,5 pollici. Non sembra ci saranno grandi differenze a livello di design, dopo le innovazioni introdotte nel 2017, ma il notch dovrebbe rimpicciolire. Seguendo il trend predominante negli smartphone top di gamma 2019, il nuovo modello potrebbe presentare la tecnologia di riconoscimento digitale integrata nello screen, messa in atto da OnePlus, Samsung e Huawei. Apple pero’potrebbe decidere di cambiare completamente direzione rispetto ai competitor, focalizzandosi completamente sul riconoscimento facciale e mettendo da parte la tecnologia del riconoscimento digitale. Su questo frangente, potrebbe apportare migliorie per ridurre l’impatto di infrarossi presenti nell’ambiente circostante e accresere l’accuratezza del sistema. Nel modello piu’grande dovrebbero essere presenti 3 lenti sul retro, mentre l’evoluzione di iPhone XR dovrebbe proporre a una versione dual-camera. Il posizionamento delle lenti dovrebbe essere allineato centralmente, abbandonando la pozizione in alto a sinistra. Per quanto riguarda il 5G, Apple potrebbe voler aspettare il 2020 per il lancio di una versione che supporti questa tecnologia. iPhone si appoggia ad Intel, la quale rendera’ il modem Intel XMM 8165 5G disponibile dalla seconda meta’del 2019. Apple pero’ si e’ sempre dimostrata conservativa sul fronte tecnologia radio in passato, e ha sempre preferito aspettare l’uscita dei chipset piu’ tecnologicamente avanzati ed efficienti anche ritardando l’applicazione di nuove tecnologie ai suoi prodotti.

    Collegato