RecensioneItalia
    Voltura e subentro: ecco cosa sono e come funzionano
    01-12-2020

    Voltura e subentro: ecco cosa sono e come funzionano

    Hai mai sentito parlare di voltura e subentro? Queste due operazioni vanno a coinvolgere utenti che intraprendono operazioni relative al cambio utenze, scegliendo tra voltura o subentro in base a quelli che sono i requisiti presenti o l’entità delle operazioni da compiere. Diverse aziende del settore energetico oramai da tempo si occupano proprio di svolgere attività simili, aiutando gli utenti nella gestione di tutte le necessità che si possono avere quando ci si muove in questo ambito: proprio per questa ragione è importante affidarsi ad aziende che lavorano da anni nel settore dell’energia, come per l’appunto Sorgenia o Enel. Per comprendere appieno se la qualità del servizio proposto dall’azienda è adatta alle necessità degli utenti, può essere utile consultare quelle che sono le recensioni di Sorgenia lasciate da altri clienti.

    Per prima cosa, però, è importante chiarire la differente natura delle operazioni di voltura e subentro, per non farsi trovare impreparati e iniziare già da subito a capire quale fornitore elettrico può garantire il miglior rapporto tra qualità e prezzo dei suoi servizi.

    Differenza tra voltura e subentro

    Ma qual è la principale differenza tra queste due operazioni? Quando è il caso di optare per voltura o subentro? Principalmente queste due parole vanno a indicare due tipologie di servizi relativi a luce e gas, che entrano in atto quando ci si trasferisce: nel caso di voltura, si richiede l’intestazione di un contatore già funzionante e quindi attivo, con l’unica operazione da compiere che è quella di cambiare l’intestatario senza che però avvenga l’interruzione della fornitura; nel caso di subentro, invece, ci si trova di fronte a un contatore che deve essere rimesso in funzione.

    Effettuare la voltura: chi è che paga?

    Quando si ha la necessità di effettuare un’operazione di voltura può nascere qualche dubbio nel capire a chi tocca adempiere alle operazioni di pagamento: di norma la voltura è a carico del richiedente, poiché nonostante ci si riferisca a due utenze differenti il servizio di fornitura non è mai stato interrotto. In sostanza, salvo accordi differenti, è quindi il nuovo intestatario a doversi occupare di tutte le operazioni di pagamento, poiché volture e utenze vanno di pari passo: è bene quindi prepararsi in anticipo, consultando anche i vari prezzi e il costo voltura per il servizio elettrico nazionale.

    La proposta di Sorgenia per la voltura

    Sorgenia mette a disposizione dei suoi clienti diversi servizi, orientati a permettere uno svolgimento dell’operazione di voltura quanto più semplice possibile. L’accortezza da avere è quella di preparare per poi fornire all’azienda tutti i dati necessari, ovvero:

    • Nome e cognome o denominazione sociale del nuovo intestatario;

    • Codice fiscale (o P.IVA);

    • Nome, cognome e codice cliente o denominazione sociale del vecchio intestatario;

    • Codice POD della fornitura elettrica o codice PDR della fornitura gas e indirizzo fornitura;

    • Dati anagrafici e IBAN del nuovo intestatario, assieme all’indirizzo a cui recapitare la fattura;

    Oltre a questi, dal sito di Sorgenia si possono scaricare dei documenti da compilare e firmare, che permettono poi di completare l’operazione in breve tempo. Sorgenia garantisce un canale di contatto tramite il quale portare il tutto a termine nella maniera più completa e rapida, consentendo di gestire voltura e bollette con facilità. Attraverso le pagine del sito web di Sorgenia è inoltre semplice ricevere un rapido preventivo su quelli che saranno i costi da sostenere per portare a termine il tutto.

    Cosa offre Enel per il subentro

    Per quanto riguarda il subentro energia elettrica, Enel fornisce un servizio molto apprezzato in ogni suo aspetto, tramite il quale poter avviare la pratica relativa direttamente da casa propria. È solo necessario inserire i dati identificativi come documento d’identità e codice fiscale, l’indirizzo al quale si desidera attivare l’utenza luce o gas e infine il codice POD del contatore luce e il codice PDR del contatore gas. Nel caso si avessero dubbi di qualunque tipo, un esperto dell’azienda provvederà a spiegare dettagliatamente quello che è il processo di attivazione, procedendo poi nel portare a termine l’operazione una volta che tutti i dati saranno forniti.

    Collegato