RecensioneItalia

    09-01-2019

    I migliori servizi di streaming on demand nel 2019

    Prende sempre più piede, alcuni ritengono che non se ne possa fare più a meno. Una tecnologia molto versatile e che si sta espandendo a qualsiasi tipologia di contenuto audiovisivo, videogiochi compresi. Di cosa stiamo parlando? Ma dello streaming ovviamente!

    Da quando Netflix, la madre di tutti i servizi di streaming on demand, si è imposta nella nostra quotidianità, decine di alternative sono spuntate come funghi per cavalcare l'onda dell'innegabile successo. Molte di queste, sono anche valide piattaforme studiate per dirottare gli utenti verso aspetti e peculiarità che le controparti sembrano trascurare o, nel peggiore dei casi, non possedere.

    In questo articolo, conosceremo una serie di aziende che si occupano di streaming on demand ma che si differiscono dalla capolista per prezzi e tipologia di servizi offerti. Ovviamente, il nostro compito si limiterà a citarle dato che come sempre, se siamo dinanzi a una scelta - e al potenziale acquisto di un piano o un abbonamento - dovremo comunque confrontare le esperienze e le recensioni degli utenti che hanno già fruito, e valutato, i servizi offerti da queste imprese. Tutte queste piattaforme prevedono un metodo di pagamento online (qui recensioni di Carta N26, la carta collegata al conto N26, utile per pagamenti online).

    Amazon Prime Video
    Non è una novità che con il suo Prime, Amazon abbia deciso di irrompere in mercati solo apparentemente fuori dalla sua portata. Ad un prezzo a dir poco vantaggioso (circa 7 eur), la società di Jeff Bezos si appresta a fornire uno dei servizi di streaming on demand più acclamati del 2019. Con centinaia di nuove esclusive, soprattutto in ambito di serie tv, Prime Video non teme rivali.

    Tim Vision
    Anche se di natura commerciale, questa piattaforma è in dotazione presso ogni servizio fibra di TIM a livello gratuito o a pochi euro al mese se si decide di disporre anche del dispositivo da collegare al televisore. Con questo servizio sarà possibile accedere a centinaia di contenuti, sia gratuiti che a pagamento. La pecurialità di Tim Vision è la sua proposta cinematografica che viene aggiornata frequentemente con titoli usciti da poco in sala.

    Youtube
    Strano a dirsi ma è proprio così. Anche la piattaforma di video gratuita più famosa al mondo sta per immettersi nel mercato dello streaming di film e serie. Come sarà possibile, dato che è nota proprio per il fatto di essere fruibile senza pagamenti? E' di poco tempo fa, la notizia che Youtube accoglierà film o serie con licenza che saranno disponibili gratuitamente ma con la presenza di inserzioni pubblicitarie. Accattivante.

    Google Play
    Non dimentichiamoci, per ultimo, della colossale libreria film di Google Play. E' vero, tutti i titoli sono a pagamento o in noleggio ma è pur sempre la più vasta libreria di contenuti fruibili al momento. E considerando che questo business è in forte crescita, non c'è motivo di pensare che ci saranno dei rincari ma anzi, nel 2019 è facile presumere che la "grande G" possa adottare una politica di scontistica e offerte molto vantaggiose - come ha già dimostrato negli ultimi 12 mesi. Inoltre, prossimamente è prevista un rinnovamento della piattaforma che vedrà un'evoluzione del lettore streaming.

    Non ci resta altro che aspettare i prossimi mesi dell'anno 2019, poi potremo catapultarci alla ricerca del nostro servizio di streaming preferito. Sarà dura spodestare Netflix dalla vetta del podio ma le alternative possono garantire un rimpiazzo molto piacevole, soprattutto quando la disponibilità dei contenuti non coincide con i nostri desideri. Scegliete dunque con parsimonia, tra un'esperienza e la recensione di utenti che ne hanno già fruito delle promesse di queste iniziative.

    Collegato